Poesie e altro
Condividi la tua opinione

Georges Henein

Georges Henein nasce nel 1914 a Il Cairo. Nel 1934 pubblica Suite et fin e Le Rappel à l’Ordure. Nello stesso anno si reca a studiare a Parigi, dove scopre il surrealimo e vi aderisce. Tornato nel 1937 a Il Cairo fonda il gruppo Arte e libertà, primo nucleo di effervescenza rivoluzionaria in Egitto. Dal 1939, questo gruppo si proporrà di essere il corrispondente del FIARI, organizzazione creata da André Breton e Lev Trockij. Dopo la Seconda guerra mondiale Henein pubblica La part du sable, Deux effigies e Hommage a Nietzche. Nel 1947 assume, assieme a Sarane Alexandrian e Henri Pastoreau, il segretariato di Cause, ufficio di informazioni e di collegamento surrealista fra i gruppi costititisi in Europa, America, Asia e Africa. Perplesso tuttavia sugli orientamenti assunti dal gruppo surrealista, nel 1950 se ne allontana. Dopo un periodo inquieto e difficile trascorso a Il Cairo, mentre a Parigi usciva Le seuil interdit, nel 1960 Henein si trasferisce con la moglie a Roma e poi ancora a Parigi. Minato da un male incurabile, trascorre gli ultimi anni della sua vita in quasi totale isolamento. Muore a Parigi nel 1973.

In te

in te alloggia la mia pigrizia
il mio grande paese pigro
come un serpente in un paese svuotato

in te
rotola il cerchio contratto del passato
tu fissi con sguardo uguale
il remoto e l’immediato
e i fari sollevano la loro veste di schiuma
per stendersi nei piaceri del mare
privi di guardiani

in te
l’impulsivo fa parlare le vele
in te
rimbalza il lungo esilio di un bacio

in te
sono finalmente
alla mia mercé

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *